Gli Organi della Fondazione

  • Consiglio di Amministrazione;
  • Presidente;
  • Segretario generale;
  • Coordinamento operativo;
  • Comitato Scientifico;
  • Collegio dei Revisori dei conti.

Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio di Amministrazione è il massimo organo di amministrazione e guida della Fondazione ed è composto da cinque membri:

  • il Presidente, dott. Paolo Siani;
  • Vice Presidente, don Antonio Palmese;
  • il Presidente del Coordinamento dei familiari delle vittime Innocenti di reato della Campania, avv. Alfredo Avella;
  • il Referente dell'Associazione Libera in Campania, dott. Fabio Giuliani;
  • il Dirigente dell'Ufficio Speciale per il Federalismo della Regione Campania dott. Francesco Del Vecchio.

Il Presidente della Fondazione

Il presidente della Fondazione, Paolo Siani - fratello del giornalista del Mattino di Napoli, ucciso il 23 settembre del 1985 dalla camorra - personalità di riconosciuto prestigio e competenza, è stato nominato dalla Giunta Regionale della Campania su proposta dell'Assessore alla Sicurezza delle Città; resta in carica cinque anni e può essere confermato, convoca e presiede il Consiglio di Amministrazione ed è il rappresentante legale della Fondazione.

Il Segretario generale

Il Segretario generale, avvalendosi del Coordinamento operativo, attua le deliberazioni del Consiglio di Amministrazione. Egli sovrintende alle attività operative della Fondazione, cura l'attuazione delle delibere del Consiglio di Amministrazione, sovrintende e coordina il personale della Fondazione.

Il Coordinamento operativo

Il Coordinamento operativo è presieduto e coordinato dal Segretario generale della Fondazione ed è composto:

  • dal Segretario generale della Fondazione;
  • dal dirigente del settore Enti Locali della Regione Campania;
  • dal dirigente del Servizio aiuto alle vittime della criminalità e beni confiscati della Regione Campania;
  • da un rappresentante del Coordinamento campano dei Familiari delle Vittime innocenti della criminalità;
  • da un esperto in materia di gestione dei beni confiscati alla camorra.

Il Comitato scientifico

Il Comitato scientifico è composto da undici membri, nominati dal Consiglio di Amministrazione, che restano in carica per quattro anni. Il Comitato è composto da autorevoli personalità del mondo della cultura e delle professioni:

  • Prof.ssa Anna Costanza Baldry, esperta in psicologia e vittimologia;

  • Dott. Gianpaolo Capasso, responsabile della sede di Napoli dell'Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata;

  • Avv. Maurizio Cinque, presidente dell'associazione culturale di amministratori giudiziari "Ius et Gestio";

  • Avv. Domenico Ciruzzi, vicepresidente dell'Unione delle Camere Penali Italiane;

  • Dott. Raffaele Felaco, già Presidente dell'Ordine degli Psicologi della Campania;

  • Dott. Geppino Fiorenza, già referente dell'associazione Libera per la Campania;

  • Dott. Giacomo Lamberti, esperto in tutela giuridica delle vittime innocenti della criminalità, autore del manuale "Vittime innocenti della criminalità. Tutela giuridica e misure di sostegno";

  • Dott. Ottavio Lucarelli, presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Campania;

  • Prof. Sergio Moccia, docente di Diritto Penale presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II;

  • Prof. Isaia Sales, docente di Storia delle mafie presso l'Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa;

  • Prof. Michele Scudiero, docente di Diritto Costituzionale presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il Collegio dei Revisori dei conti

Il Collegio dei Revisori dei conti è composto da tre membri che durano in carica tre anni, nominati con decreto del Presidente della Giunta regionale della Campania.

Compiti del Collegio dei Revisori dei conti sono:

  • provvedere al riscontro della gestione economico-finanziaria;
  • accertare la regolare tenuta delle scritture contabili;
  • esprimere il proprio parere sui bilanci preventivi e consuntivi.