"FACCIAMO UN PACCO ALLA CAMORRA", IL PRESIDENTE CALDORO: "DIAMO FORZA AL RIUTILIZZO DEI BENI CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA"

Data pubblicazione: 02-12-2011
 
"
"
"
"
"
"
"
"

GUARDA IL VIDEO DI DIGITCAMPANIA

GUARDA IL VIDEO DI JULIE NEWS

GUARDA IL VIDEO DEL TG 3 CAMPANIA (da 01:24 a 02:55)

GUARDA IL VIDEO DELLA DIRETTA WEB DEL PRESIDENTE CALDORO CURATO DA DIGITCAMPANIA

Il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro ha presentato stamattina in Sala Giunta il "Pacco alla camorra", cadeau natalizio contenente i prodotti provenienti dai terreni confiscati alla camorra.

"Il pacco alla camorra è più di un atto simbolico", ha affermato Caldoro, "in quanto rappresenta la dimostrazione di come la nostra terra possa essere fonte di ricchezza per tutti".

Il Presidente ha poi rivolto un ringraziamento alle cooperative quotidianamente impegnate nel riutilizzo dei patrimoni sottratti alla criminalità organizzata: "Il loro lavoro testimonia che la nostra Regione presenta tante belle realtà che noi tutti dobbiamo divulgare, ognuno nel suo campo. Per questo rivolgo a tutti l'appello a recarsi nella Bottega dei Sapori e dei Saperi della Legalità per acquistare il pacco alla camorra e ai giornalisti in particolare di dare il giusto risalto a tutte le iniziative di legalità".

"Dalle cronache dei quotidiani stiamo apprendendo quanto sia capillare la ramificazione della criminalità organizzata nel sistema economico, non solo nel Mezzogiorno, ma anche in altre zone d'Italia e in Europa. Il riutilizzo dei beni confiscati assume allora un significato ancora più profondo, perchè rappresenta la risposta concreta all'economia criminale. Per la nostra azione di governo questo è un punto cruciale, sosteniamo con forza l'azione della Fondazione Pol.i.s. e delle organizzazioni impegnate nel riuso dei beni confiscati", ha concluso Caldoro.

All'iniziativa erano altresì presenti, tra gli altri, il presidente del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità Lorenzo Clemente con la figlia Alessandra, Peppe Pagano di Nuova Cucina Organizzata, i referenti regionali di Libera Geppino Fiorenza e don Tonino Palmese, il presidente dell'Ordine degli Psicologi della Campania Raffaele Felaco, Salvatore Esposito di Federazione Italiana Città Sociale, Adriana Maestro dell'associazione Siani, il dirigente del settore Enti Locali Giuseppe Allocca e il segretario generale della Fondazione Pol.i.s. Enrico Tedesco.

Allegati:

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •