Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Tammaro Romano

Data pubblicazione: 28-03-2019
 

Data dell'accaduto: 31/03/1988
Data del decesso: 04/04/1988
Luogo di morte: Grumo Nevano (NA)
Anni: 36
vittima del dovere
 
Breve storia dell'accaduto:
 
Il sovrintendente principale della polizia giudiziaria Tammaro Romano muore il 4 aprile 1988 dopo 4 giorni di agonia a seguito di una sparatoria avvenuta a Grumo Nevano. Tammaro comandava la squadra giudiziaria del Commissariato di Montecalvario, una delle zone più calde dei "quartieri" per la presenza asfissiante della criminalità.
Il 31 marzo 1988 Romano, 36 anni, si reca a fare visita ad un amico proprietario di un negozio di abbigliamento a Grumo Nevano e sta guardando dei pantaloni mentre attende che la moglie finisca un'acconciatura nel vicino esercizio di parrucchiere; ad un certo punto fanno irruzione nel negozio dei rapinatori con armi in pugno. Romano, che è fuori servizio, reagisce prontamente estraendo la sua pistola d'ordinanza; ne scaturisce una violenta colluttazione, al termine della quale Romano viene ferito gravemente alla nuca; ciononostante egli riesce a sparare un colpo che ferisce uno dei due rapinatori. Tuttavia Romano versa in gravi condizioni e muore 4 giorni dopo il ricovero all'ospedale Cardarelli.
 
Per Tammaro Romano vengono celebrati i funerali di Stato e in quel giorno a dare l'ultimo saluto nella chiesa madre di Grumo Nevano ci sono diecimila persone. Presenti le massime autorità: il prefetto Agatino Neri, il questore Antonio Barrel, il sindaco Luigi Reccia, il vice capo della Polizia Aligi Razzoli, il procuratore di Napoli Alfredo Sant'Elia, il generale dei Carabinieri Vincenzo Oresta e molti altri rappresentanti delle istituzioni.  
 
Il 6 maggio 1988 Tammaro Romano è insignito della medaglia d'oro al valor civile con la seguente motivazione: "Fuori dal servizio, con coraggiosa determinazione, affrontava due giovani armati che si erano introdotti in un negozio a scopo di rapina. Ingaggiava con i banditi un conflitto a fuoco nel corso del quale veniva ferito mortalmente".  
 
Nel 2009 il Comune di Frattamaggiore ha dedicato la strada del commissariato alla memoria di Romano. 
 
Il 2 aprile 2010 il Comune di Grumo Nevano ha intitolato una piazza alla memoria del poliziotto Tammaro Romano. 
 
Il 5 aprile 2013, in occasione del 25° anniversario della sua morte, la cittadina di Grumo Nevano ha inaugurato un cippo marmoreo in onore del poliziotto caduto. Il cippo è stato posto nella piazza dedicata alla memoria di Tammaro. 
 
Ogni anno, in occasione del giorno della sua morte, il Comune di Grumo Nevano organizza un evento commemorativo.
 
Il libro di Raffaele Sardo "La sedia Vuota", Edizioni Iod, che si inserisce nei progetti editoriali della Fondazione Poli.s. per ricordare tutte le vittime innocenti della criminalità in Campania, racconta la storia di Tammaro Romano.  
 
 
 
                      
 
 
 
Blog, link e collegamenti ipertestuali; 
 
 
1)http://www.cadutipolizia.it/fonti/Polizia1981/1988romano.htm
 
2)http://www.youtube.com/watch?v=-EAmZzTsVdY
 
3 http://www.grumonevano.net/Storia/Tammaro_Romano.htm
 
4- http://www.youtube.com/watch?v=ypSa2OjjGGE