ALTRI BENI CONFISCATI MONITORATI DALLA FONDAZIONE POL.I.S.: COMUNE DI BACOLI (NA) - COMPLESSO IN VIA COMUNALE DEL POZZO

Data pubblicazione: 14-06-2011
 
Spiaggia
Villa Ferretti

SCHEDA ANAGRAFICA

BACOLI - COMPLESSO

Indirizzo
Via Comunale del Pozzo

Denominazione bene
Villa Ferretti

Superficie
Terreno: 12.436 mq
Fabbricato padronale multipiano: 145 mq
Fabbricato rurale in muratura di tufo: 89 mq
Box/deposito coperto: 28 mq
Manufatto pertinenziale a quello padronale: 85 mq
2 Unità immobiliari di 48,50 mq

Particella catastale
Terreno: foglio 12, più particelle catastali
Fabbricato padronale multipiano: foglio 12, particella 423
Fabbricato rurale in muratura di tufo: foglio 12, particella 422
Box/deposito coperto: foglio 12, particella 816
Manufatto pertinenziale a quello padronale: foglio 12, particella 812
2 Unità immobiliari: foglio 12, particella 435 sub 2 e sub 3

Confiscato a
Giuseppe Costagliola e Rosario Pariante

Data del verbale di consegna del bene
24.10.2003

Finalità di destinazione d'uso
Centro culturale polivalente ad indirizzo musicale e espositivo, con annessa biblioteca, sala conferenze e/o congressi, centro espositivo per mostre  in generale ed in particolare per documentari e attività archeologiche subacquee con annessi parcheggio e verde attrezzato

Soggetto gestore
Comune di Bacoli

Riferimenti per il Comune di Bacoli – Via Lungolago 4 - 80070
tel. 081 8553111 - fax. 081 5234583
RUP: ing. Michele Balsamo

Fonti di finanziamento
PIT (Progetto Integrato Territoriale) Campi Flegrei Misura 2.1

Totale del finanziamento € 1.700.000,00

PIRAP (Progetto Integrato Rurale per le Aree Protette)

Totale del finanziamento € 300.000,00

Legge Regionale 19 gennaio 2009 n. 1

Totale del finanziamento € 2.000.000,00

ATTIVITÀ ALL'INTERNO DEL BENE
Il Compendio Villa Ferretti, ubicato nell'incantevole baia sottostante il Castello Aragonese di Baia, è oggetto di un ambiziosi progetto di recupero e riqualificazione. Il fabbricato padronale, sviluppato su 3 piani, diventerà un centro culturale polivalente ad indirizzo musicale e espositivo, con annessa biblioteca, sala conferenze e/o congressi, centro espositivo per mostre  in generale ed in particolare per documentari e attività archeologiche subacquee in collegamento con il costituendo  Parco Archeologico sommerso di Baia, base logistica  per operatori nazionali ed internazionali che effettuano attività di studio  e ricerca nell'ambito dell'archeologia subacquea e museo civico per le attività di pesca e di miticoltura e delle arti marinare. Le aree scoperte pertinenziali saranno invece adibite a parcheggio, verde attrezzato, ampliamento dei percorsi di visita e di accesso all'intero promontorio sul quale si erge il Castello aragonese e completamento della rete dei sottoservizi e degli impianti tecnologici previsti per il funzionamento dello stesso Museo. Tuttavia, nonostante la fine dei lavori, il bene non è stato ancora inaugurato, anzi versa in uno stato totale di abbandono, tanto da essere stato oggetto di atti di vandalizzazione. Nel maggio 2010 il Comune di Bacoli delibera di utilizzare provvisoriamente le aree scoperte della villa come parcheggio a pagamento, bandendo una gara, poi andata deserta.
La Cooperativa Nuova Amena Baia ha chiesto ed ottenuto, con Delibera n. 56 del 04.06.2010, la concessione all'utilizzo dell'area come parcheggio a pagamento a servizio sia degli utenti della spiaggia del Castello, sia dell'utenza di tutte le attività presenti sul molo di Baia, corrispondendo al Comune di Bacoli un canone mensile, con le modalità stabilite dall'ente concedente in deroga alla legge 109/1996. Anche la spiaggia adiacente al Compendio Villa Ferretti è al centro di forti polemiche. La spiaggia, il cui unico accesso è attraverso il complesso era stata concessa dal sindaco di Bacoli all'Associazione Asgam, che si occupa principalmente di attività educativo-formative e ludico-ricreative a favore di giovani disagiati, disabili e delle scolaresche, anche attraverso l'utilizzo della propria imbarcazione denominata Santa Rita, motopesca confiscata alla criminalità pugliese per traffico di droga. La concessione della spiaggia non risulta da alcun atto formale di concessione, ma esclusivamente da un verbale di riunione tra le parti interessate, tuttavia la spiaggia era già stata utilizzata dall'Asgam sia nell'estate 2010 che negli anni precedenti.
Nel novembre del 2010 il sindaco ha respinto la richiesta di utilizzo della spiaggia, definendo inopportune le attività in programma dell'Asgam "perché prevedono l'uso della spiaggia senza avere alcun titolo, al di là delle finalità sociali dell'associazione" e che "occorre ricordare che l'intero compendio "Villa Ferretti" sarà oggetto di ulteriori lavori, che comporteranno inevitabilmente l'inibizione dell'accesso alla villa confiscata". Tuttavia la banchina, il terrazzamento e l'accesso alla spiaggia sono adiacenti alla villa, quindi ben separati dal terreno oggetto della riqualificazione, inoltre nei mesi estivi del 2010, l'associazione Asgam ha svolto le sue attività presso la spiaggia in oggetto senza alcuna concreto impedimento dell'amministrazione comunale. Allo stato attuale permane una situazione di stallo.

STATO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO
Con i Fondi PIT sono stati realizzati i lavori di ristrutturazione della villa, una prima tranche dei Fondi PIRAP, pari a 150.000 euro, è stata utilizzata per il completamento degli arredi e dei servizi delle parti interne della villa, mentre gli altri 150 mila euro sono serviti per il completamento della parte esterna della villa (casa del mare, arredi servizi, completamento arredi, pontile).
I lavori sono finiti nel febbraio 2010, tuttavia sia a causa del materiale inadatto utilizzato, data la vicinanza al mare, sia a causa dello sato di abbandono in cui versa il complesso, i lavori sono dovuti riprendere nel febbraio 2011. Per quanto riguarda invece la realizzazione del Parco di Villa Ferretti i lavori sarebbero dovuti cominciare entro 120 giorni dalla comunicazione di ammissione al finanziamento datata 30 aprile 2010, tuttavia allo stato attuale ancora non hanno avuto inizio.