Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Maria Rosaria Polese

Data pubblicazione: 14-06-2019
 
DATA DELL'ACCADUTO:  16/06/2006
LUOGO DELL'ACCADUTO:  Salerno
ANNI: 59
TIPOLOGIA:  criminalità comune- (uccisa dal figlio)
 
BREVE STORIA:
 
Maria Rosaria Polese, 59 anni, viene uccisa dal figlio Luigi Cardellicchio nella loro abitazione di Salerno.
Insegnante di sostegno, Cardellicchio, al termine dell'ennesima lite, uccide la madre colpendola ripetutamente con una sedia per poi infierire con calci e pugni.
Scende poi in strada e si sbarazza degli indumenti sporchi di sangue gettandoli in un cassonetto; la segnalazione di un conoscente allerta le forze dell'ordine. Alla base del folle gesto, probabilmente, anche le gravi condizioni di salute del padre di Luigi, Mario Cardellicchio, che negli stessi giorni era ricoverato a Modena per una grave malattia.
Nel 2008 Luigi Cardellicchio viene condannato a 10 anni di reclusione e trasferito nell'ospedale psichiatrico giudiziario di Napoli. Nel 2009 la Corte d'Assise di Appello chiede una nuova perizia psichiatrica per l'uomo.
 
REPUBBLICA 18 GIUGNO 2006
 
IRPINIA NEWS 18 GIUGNO 2006
 
IRPINIA NEWS 19 GIUGNO 2006
 
INDAGINE UNIVERSITÀ ROMA TRE