"L'aggressione e l'ablazione dei patrimoni illeciti e loro gestione", istituzioni, magistratura e associazionismo uniti contro le mafie

Data pubblicazione: 19-01-2012
 

GUARDA IL SERVIZIO DI JULIE NEWS

GUARDA IL SERVIZIO DEL TG 3 CAMPANIA (da 13:06 a 15:07)

Oggi 19 gennaio 2012 presso la Sala Auditorium del Palazzo di Giustizia di Napoli si è svolto il convegno "L'aggressione e l'ablazione dei patrimoni illeciti e loro gestione".

L'iniziativa è stata promossa dall'associazione culturale "Ius et Gestio" con il patrocinio del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Napoli e in collaborazione con l'Agenzia Nazionale dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, l'associazione Libera, la Fondazione Pol.i.s., il Consorzio S.O.L.E., il Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità, la Fondazione Silvia Ruotolo e l'Associazione onlus Paolino Avella.

I lavori sono stati coordinati dal presidente dell'associazione "Ius et Gestio" Maurizio Cinque, componente del Comitato Scientifico della Fondazione Pol.i.s., e introdotti dai saluti del presidente della Corte di Appello di Napoli Antonio Buonajuto, del presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Napoli Francesco Caia, del direttore generale dell'Ufficio Speciale del Ministero della Giustizia Floretta Rolleri, del referente regionale di Libera e componente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Pol.i.s. Geppino Fiorenza, del consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Napoli Roberto Fiore.

La giornata è stata suddivisa in due sessioni, una mattutina e una pomeridiana, con una breve pausa durante la quale sono stati degustati i prodotti preparati dal ristorante NCO (Nuova Cucina Organizzata) di San Cipriano d'Aversa.

Di seguito l'elenco degli intervenuti e degli argomenti trattati nelle relazioni tematiche della prima sessione:

Dott. Franco Roberti (Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, tema affrontato:" "Il controllo camorristico dell'economia e mezzi di contrasto");

Dott. Federico Cafiero de Raho (Procuratore Aggiunto della D.D.A. presso il Tribunale di Napoli, tema affrontato: "L'aggressione ai patrimoni mafiosi: il sequestro e la confisca di prevenzione ed il sequestro e la confisca di cui all'art. 12 sezies D.L. 8.6.1992, n. 306, conv. dalla L. 7.8.1992, n. 356. Rapporti e differenze");

Dott. Raffaele Marino (Componente Comitato Direttivo Scuola Superiore della Magistratura, tema affrontato: "Le investigazioni per il contrasto patrimoniale. Le banche dati");

Dott. Catello Maresca (Sostituto Procuratore D.D.A. presso il Tribunale di Napoli, tema affrontato: "Il sequestro conservativo: la nuova frontiera dell'aggressione ai patrimoni mafiosi e la copertura delle spese di giustizia");

Dott. Piero Angeloni (Dirigente Responsabile Macroarea 2 Agenzia Nazionale per l'Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata, tema affrontato: "L'istituzione dell'Agenzia Nazionale e la 'missione' affidatale");

Dott. Franco Malvano (Referente della Presidenza della Regione Campania per i Beni Confiscati - Commissario Regionale per l'Antiracket e l'Usura, tema affrontato: "Il ruolo della Regione quale polo di coordinamento per le politiche di sicurezza in Campania e per un concreto ed incisivo riutilizzo sociale dei beni sottratti alle mafie");

Dott. Gianpaolo Capasso (Responsabile sede di Napoli dell'Agenzia Nazionale per l'Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata, tema affrontato: "L'amministrazione, la gestione e la destinazione dei beni sottratti alla criminalità organizzata");

Avv. Celeste Giliberti (Socio Ordinario dell'Associazione "Ius et Gestio", tema affrontato: "Il riutilizzo sociale dei beni confiscati").

Nel pomeriggio si è svolta una seconda sessione, durante la quale sono intervenuti:

Dott. Paolo Celentano (Consigliere della Corte di Appello di Napoli, tema affrontato "La gestione dei beni");

Dott. Francesco Cananzi (Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Napoli, tema affrontato: "Il sequestro ex art.12 sexies L. 356/92 ed il sequestro conservativo. I rapporti tra giudice penale procedente e l'Agenzia Nazionale");

Dott.ssa Eugenia Del Balzo (Presidente della Sezione per l'applicazione delle Misure di Prevenzione del Tribunale di Napoli, tema affrontato: "Il procedimento per la confisca di prevenzione e le impugnazioni");

Avv. Valerio Di Stasio (Vice Presidente dell'Associazione "Ius et Gestio" - Componente della Commissione "Amministrazione Giudiziaria" presso il C.O.A. di Napoli, tema affrontato: "La tutela dei terzi");

Avv. Luca D'Amore (Responsabile dell'Ufficio Legale dell'Agenzia Nazionale per l'Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata, tema affrontato: "Le linee guida per un'incisiva 'cabina di regia'");

Dott.ssa Lucia Rea (Direttore del Consorzio S.O.L.E. - Dirigente Politiche per la Sicurezza per la Provincia di Napoli, tema affrontato: "I patrimoni criminali a servizio della società");

Dott. Enrico Tedesco (Segretario Generale Fondazione Pol.i.s., tema affrontato: "La Fondazione POLIS quale braccio operativo della Regione Campania per rafforzare il sistema di governance in materia di riutilizzo dei beni confiscati e di aiuto alle vittime della criminalità").

Erano altresì presenti, tra gli altri, il presidente del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità Lorenzo Clemente e Alfredo Avella, fondatore della onlus Paolino Avella, intitolata al figlio ucciso nel 2003, e presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Pol.i.s..

Allegati:

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •