XXII Giornata della Memoria e dell'Impegno, migliaia di giovani a Ponticelli per dire no alle mafie

Data pubblicazione: 22-03-2017
 

TGR CAMPANIA in diretta dalla Fondazione Polis (dall'inizio a 07:04)


TGR CAMPANIA servizio da Ponticelli (dall'inizio a 04:08)


BUONGIORNO REGIONE (da 12:53 a 17:54)


ROAD TV ITALIA


SÌ COMUNICAZIONE


VIDEOINFORMAZIONI


FANPAGE


ALTRI MONDI NEWS


LA SUD


ASKA NEWS


OMNINAPOLI


TV 2000


WEB TV COMUNE DI NAPOLI


IL MATTINO (foto e video)


REPUBBLICA NAPOLI (foto e video)


CORRIERE DEL MEZZOGIORNO (fotogallery)

 

ARTICOLO 21 (a firma di Désirée Klain)

 

 


Migliaia di giovani hanno sfilato ieri al Rione Conocal di Ponticelli al corteo per celebrare la XXII Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. La manifestazione è stata organizzata da Libera Campania, con il sostegno della Fondazione Polis.

Partito da via Dorando Petri, il fiume di bambini e studenti delle scuole di ogni ordine e grado – insieme a docenti, rappresentanti del mondo politico-istituzionale e associativo - ha attraversato le strade del quartiere della periferia est di Napoli che ha visto, negli ultimi mesi, numerosi omicidi per camorra.

In testa i rappresentanti del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità. Subito dopo gli studenti che nei giorni scorsi hanno svolto incontri nelle scuole per parlare di legalità e prepararsi all'evento insieme agli esponenti dell'antimafia sociale. Presenti, tra gli altri, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il prefetto Carmela Pagano, il presidente del Consiglio regionale della Campania Rosetta D'Amelio.

Il tema della marcia di Libera di quest'anno è stato "luoghi di speranza, testimoni di bellezza". Il Conocal di Ponticelli è, da troppo tempo, il simbolo della violenza mafiosa: lo dimostrano anche gli arresti dello scorso giugno a danno di numerosi esponenti del clan «D'Amico», accusati di gestire diverse attività illecite tra le palazzine popolari. Per un giorno questo posto è stato attraversato da migliaia di persone per affermare i valori della legalità e della giustizia sociale. Nei giorni scorsi gli attivisti di Libera – insieme a studenti, familiari di vittime innocenti, scout e cittadini - hanno ripulito la zona del Conocal in cui si svolge la manifestazione: l'impegno nasce dalla voglia di affermare la rinascita di luoghi distrutti dall'occupazione camorristica.

Allegati: