Agguato alla piccola Noemi, la Fondazione Polis dopo le condanne: "Il nostro unico pensiero è rivolto alla bambina e alla sua famiglia"

Data pubblicazione: 24-07-2020
 
GIOVEDÌ 23 LUGLIO 2020 17.14.31
 
Noemi: don Palmese (Polis), al fianco suo e della famiglia
 
ZCZC2565/SXR ONA20205002330_SXR_QBXO R CRO S44 QBXO Noemi: don Palmese (Polis), al fianco suo e della famiglia (ANSA) - NAPOLI, 23 LUG - "Il nostro unico pensiero, come sempre da quel maledetto 3 maggio 2019, e' rivolto alla piccola Noemi e alla sua famiglia. Siamo costantemente al loro fianco, non solo attraverso la costituzione di parte civile nel processo". Cosi' don Tonino Palmese, presidente della Fondazione Polis della Regione Campania, dopo la condanna in primo grado a 18 anni per il responsabile dell'agguato di Piazza Nazionale, in cui rimase gravemente ferita la piccola Noemi Staiano, e a 14 anni per il fratello dell'autore del raid. "La giustizia sta facendo e continuera' a fare il suo corso. Da parte nostra, anche pensando a Noemi, stiamo avviando un programma pluriennale di adozione sociale che ci consentira' di prendere in carico i nuclei familiari particolarmente colpiti dalla violenza criminale e di provare a dare risposte concrete ed efficaci a tutte le criticita'. Siamo sempre piu' convinti che investire sull'infanzia, soprattutto su quella violata, sia la migliore risposta per lasciare alle future generazioni una Napoli e una Campania in cui non ci siano altri casi come quello di Noemi e in cui il valore dell'innocenza possa riacquistare il suo significato piu' profondo e autentico". (ANSA). COM-BOM 23-LUG-20 17:13 NNNN
GIOVEDÌ 23 LUGLIO 2020 17.23.26
 
NAPOLI. CASO NOEMI, POLIS: NOSTRO UNICO PENSIERO RIVOLTO ALLA PICCOLA
 
DIR2331 3 POL 0 RR1 N/POL / DIR /TXT NAPOLI. CASO NOEMI, POLIS: NOSTRO UNICO PENSIERO RIVOLTO ALLA PICCOLA "GIUSTIZIA STA FACENDO E CONTINUERÀ A FARE IL SUO CORSO" (DIRE) Napoli, 23 lug. - "Il nostro unico pensiero, come sempre da quel maledetto 3 maggio 2019, e' rivolto alla piccola Noemi e alla sua famiglia. Siamo costantemente al loro fianco, non solo attraverso la costituzione di parte civile nel processo". Cosi' don Tonino Palmese, presidente della Fondazione Polis della Regione Campania, dopo la condanna in primo grado a 18 anni per il responsabile dell'agguato di piazza Nazionale, in cui rimase gravemente ferita la piccola Noemi Staiano, e a 14 anni per il fratello dell'autore del raid. "La giustizia sta facendo e continuera' a fare il suo corso. Da parte nostra, anche pensando a Noemi, stiamo avviando - aggiunge Palmese - un programma pluriennale di adozione sociale che ci consentira' di prendere in carico i nuclei familiari particolarmente colpiti dalla violenza criminale e di provare a dare risposte concrete ed efficaci a tutte le criticita'. Siamo sempre piu' convinti che investire sull'infanzia, soprattutto su quella violata, sia la migliore risposta per lasciare alle future generazioni una Napoli e una Campania in cui non ci siano altri casi come quello di Noemi e in cui il valore dell'innocenza possa riacquistare il suo significato piu' profondo e autentico". (Com/Elm/Dire) 17:22 23-07-20 NNNN