Emergenza Covid, la Fondazione Polis dona pacchi con i prodotti dei beni confiscati ai familiari delle vittime innocenti della criminalità

Data pubblicazione: 22-07-2020
 
Nell'ambito delle attività promosse in occasione dell'emergenza Covid, la Fondazione Polis ha donato 80 pacchi alimentari con i prodotti provenienti dai terreni confiscati alle mafie ad altrettante famiglie di vittime innocenti della criminalità.
 
L'iniziativa è stata realizzata in collaborazione con Associazione Gioventù Cattolica, presieduta da Gianfranco Wurzburger, da anni impegnata nel centro storico di Napoli a beneficio dei minori a rischio.
 
"Abbiamo voluto unire le fondamentali anime della nostra mission, dando un ulteriore piccolo sollievo ai familiari delle vittime innocenti della criminalità e valorizzando il lavoro svolto dalle realtà del Terzo Settore nel riuso dei beni confiscati alla criminalità organizzata, al fine di evitare che eventuali eccedenze prodotte andassero perdute", evidenzia il presidente della Fondazione Polis don Tonino Palmese. "Nello stesso tempo, ai familiari delle vittime abbiamo donato le mascherine certificate realizzate, con il nostro convinto sostegno, dall'associazione La Forza del Silenzio in un bene confiscato a Casal di Principe. La pandemia ha inevitabilmente portato tutti noi a modificare abitudini e stili di vita, ma in questi mesi abbiamo cercato comunque di garantire un adeguato aiuto ai nostri interlocutori di riferimento senza soluzione di continuità. E anche quest'ultima iniziativa si ascrive in questa direzione", conclude don Tonino.
 
IL MATTINO.IT

Allegati: