Decennale strage Castel Volturno, il ricordo delle sei vittime ghanesi (foto di Felice De Martino)

Data pubblicazione: 18-09-2018
 
"
"
"
"
"
"
"
"

SERVIZIO TGR CAMPANIA DA 02:50 a 04:30
 
 
Il Comune di Castel Volturno, insieme alla Fondazione Polis della Regione Campania per le vittime innocenti di criminalità e i beni confiscati alla camorra e a numerosi partner quali il Centro Sociale ex Canapificio di Caserta, il Movimento Migranti e Rifugiati, il Centro Fernandes, la Caritas di Caserta, Emergency, il Comitato Don Peppe Diana, Libera, la Casa di Alice, i Padri Comboniani, Generazione Libera, Comitato Città Viva, gli Scout, i Padri Sacramentini, ha promosso un significativo momento di legalità in occasione del decennale della strage di Castel Volturno, che ricorre oggi 18 settembre.
 
L'iniziativa non ha rappresentato un vuoto rituale di memoria dei sei immigrati ghanesi uccisi nell'efferata strage di San Gennaro e degli imprenditori Domenico Noviello e Raffaele Granata, uccisi sempre dieci anni fa per essersi opposti al racket, ma ha voluto ribadire, a partire dalla memoria delle vittime, un rinnovato impegno istituzionale per un vero piano di inclusione sociale e lavorativo, unico grande antidoto al dilagare dei fenomeni criminali.
 
La Sala Consiliare del Comune di Castel Volturno ha ospitato un convegno sui temi della legalità, della memoria e del contrasto ai fenomeni criminali, che ha visto il coinvolgimento delle scuole del territorio. Nello stesso tempo, l'incontro ha rappresentato l'occasione per lanciare un programma annuale di legalità con le scuole, affinché la commemorazione della strage di Castel Volturno non resti un fatto episodico ma stimoli la coscienza di tutti per l'affermazione dei valori dell'inclusione e della convivenza civile.
 
A seguire, presso il km 43 della SS Domitiana, luogo della strage, si è svolto un momento di preghiera e l'inaugurazione di un nuovo murales dedicato alle vittime.
 
Sono intervenuti, tra gli altri, l'assessore regionale alle Politiche integrate di sicurezza e legalità Franco Roberti, il sindaco di Castel Volturno Dimitri Russo, il presidente della Fondazione Polis don Tonino Palmese e i rappresentanti delle altre organizzazioni promotrici delle iniziative.

Allegati: