Condannato all'ergastolo l'assassino di Ornella Pinto

Data pubblicazione: 11-05-2022
 
Ornella Pinto
La Prima sezione della Corte d'Assise di Napoli ha emesso sentenza di condanna all'ergastolo nei confronti di Pinotto Iacomino, assassino di Ornella Pinto, uccisa il 13 marzo 2021. La corte ha accolto la richiesta del pubblico ministero. Iacomino, ex compagno di Ornella, era ritornato quella notte nella casa in cui vivevano insieme e uccise Ornella con quindici coltellate sferratele mentre dormiva. In una stanza vicina vi era il figlio della coppia di appena tre anni. A Pinotto Iacomino è stata revocata anche la potestà genitoriale. La sentenza è giunta proprio il giorno prima del compleanno di Ornella, la cui data si celebra oggi, 11 maggio.

Nel corso di questi 14 mesi la Fondazione Pol.i.s., riconosciuta parte civile nel processo, è stata sempre accanto alla famiglia di Ornella, a papà Giuseppe, a mamma Annamaria, alle sorelle Stefania e Valeria e al piccolo Daniele, garantendo loro in primis la vicinanza affettiva, e in seconda istanza supporto psicologico e legale.
 
L'omicidio di Ornella ha scosso da subito l'opinione pubblica e nel corso di questo anno molteplici sono state le iniziative intraprese in suo nome, contro ogni forma di violenza di genere. Proprio in questi giorni la Fondazione Pol.i.s. ha ricevuto riscontro positivo dal Ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, per avviare delle pratiche che possano consentire all'Ufficio Scolastico Regionale della Campania di poter intitolare un luogo didattico o lo stesso Liceo Artistico Statale di Napoli alla memoria di Ornella, che ha svolto la sua opera di insegnante di sostegno all'interno dell'istituto.