Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Gioì Cappelli

Data pubblicazione: 02-07-2019
 

anni:70
dove: Napoli  Corricella-Procida 
quando: 7 luglio 2015
vittima criminalità comune
 
Gioì Cappelli viene ritrovata cadevere sulla spiaggia della Corricella a Procida. Ad ucciderla il figlio 46enne dopo un litigio per questioni di soldi. Di origini toscane, la signora da Firenze trovava rifugio e un po' di pace sull'isola campana, lontana dal figlio divenuto un tormento. 
È bastata una giornata ai Carabinieri della compagnia di Ischia (agli ordini del capitano Andrea Centrella) - che ha coordinato il lavori dei colleghi della stazione di Procida (agli ordini del maresciallo Massimiliano Alberto) -  per portare alla luce una storia di liti familiari.
 
La signora aveva comprato una piccola casa di pescatori sulla banchina della spiaggia della Corricella, sotto la scalinata di Callia. Una donna benestante che aveva gestito, fino a qualche anno prima, un negozio di antiquariato a San Ferdinando. Il figlio, Gianpaolo Aguzzo, aveva problemi di droga e spesso la perseguitava chiedendole soldi,  fino al gesto estremo del luglio 2015.
 
Secondo le accuse, Giampaolo Aguzzi avrebbe spinto la mamma sulle scale fino a farla cadere. Poi, avrebbe cercato di disfarsi del corpo buttandolo in mare. 
Il figlio ha confessato l'omicidio, crollando davanti alle contestazioni dei carabinieri. 
 
REPUBBLICA 8 LUGLIO 2015
 
IL MESSAGGERO 8 LUGLIO 2015
 
IL GAZZETTINO 10 LUGLIO 2015