Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Antonio Metafora

Data pubblicazione: 06-12-2013
 
Data dell'accaduto: 05. 12. 2008
Luogo dell'evento: Napoli
Anni: 70
Vittima della criminalità organizzata
 
Breve storia dell'accaduto:
 
La sera del 5 dicembre 2008 viene assassinato nel suo studio l'avvocato civilista Antonio Metafora. 
Il pregiudicato Salvatore Altieri, 24 anni, viene presto identificato come l'autore del delitto. Altieri era legato al clan di Pietro Licciardi, capocamorra detenuto in regime di 41 bis. La ricostruzione giudiziaria della vicenda ha visto il movente in una ingiunzione di sfratto notificata dall'avvocato Metafora alla madre di Altieri. Questi viene catturato nell'aprile 2009 in una abitazione del quartiere Vasto. 
Condannato a 24 anni in primo grado, nel 2012 il secondo grado di giudizio eleva la pena all'ergastolo. Sussiste infatti per i giudici l'aggravante della premeditazione. Nel processo di primo grado fu essenziale il riconoscimento dell'imputato da parte del figlio della vittima e della segretaria. In quel frangente l'Ordine degli Avvocati di Napoli si era costituito parte civile. Le indagini intanto proseguono e sospetti gravano ad oggi su Antonio Lo Russo, riconosciuto da un testimone come colui che accompagnò Altieri in auto presso lo studio di Metafora il giorno del delitto.
 
La storia di Antonio Metafora è ricordata nel Dizionario enciclopedico delle Mafie in Italia, apparso per Castelvecchi nel 2013.
 
Collegamenti ipertestuali relativi ad Antonio Metafora
 
Blog, link, social network, video:
 
Dal programma Verità imperfette https://www.youtube.com/watch?v=6gTFCjWx_b4