Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Palma Scamardella

Data pubblicazione: 12-12-2011
 

"PILLOLA" VIDEO NONINVANO
 
Data dell'accaduto: 12. 12. 1994
Luogo dell'evento: Napoli
Anni: 35
Vittima della criminalità organizzata
 
Breve storia dell'accaduto:
 
Il 12 dicembre 1994 Palma Scamardella, madre di una bambina di 15 mesi, viene assassinata per errore in un agguato di camorra a Pianura, quartiere periferico di Napoli.
La vittima designata si chiamava Domenico Di Fusco, legato al clan dei Lago. Palma quel pomeriggio è sulle scale esterne della sua abitazione, adiacente a quella di Di Fusco, quando i killer sparano contro la sagoma che si intravede attraverso il fogliame. L'ombra è però quella della giovane madre che viene colpita barbaramente e ottusamente dalla mano criminale.
 
Oggi, Manuela, la figlia di Palma, è una giovane donna  cresciuta dalla sorella di Palma, Maria, membro del Coordinamento Campano dei familiari di vittime innocenti di criminalità. 
 
Palma Scamardella è stata riconosciuta vittima innocente di criminalità organizzata e in sua memoria è stata costituita un'associazione.
 
Il 12 dicembre 2013 è stata inaugurata presso l'istituto comprensivo "Giovanni Falcone" di Pianura la biblioteca della legalità dedicata a Palma Scamardella. 
 
La Fondazione Polis, in collaborazione con il Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità e l'Associazione Libera, ha realizzato un progetto dal titolo "VIVI", con il supporto tecnico e scientifico di Aldo Zappalà di Village doc&film.  
L'Intenzione narrativa è quella di "riportare avanti le lancette dell'orologio", raccontare la vita delle tante vittime innocenti della criminalità: le passioni, i desideri, le ambizioni di questi uomini e di queste donne, come se queste vite non fossero state spezzate violentemente dalla criminalità organizzata e comune. 
 
Tra le vittime ricordate e raccontate anche la storia di Palma Scamardella.
 
Un lavoro complicato  e delicato di interviste in profondità, realizzate da Veronica Montanino, figlia di Gaetano, vittima innocente del dovere, dal quale poi sono stati realizzati i video-documetari e i reading teatrali messi in scena con successo al Museo Pan di Napoli il 23 settembre e il 4 ottobre 2014. 
 
Nel mese di novembre 2014 è stata inaugurata dal Comune di Napoli "la Casa della Cultura" per la creatività dei giovani del rione. Nella struttura ci sono 15 sale dedicate a 15 vittime della criminalità. Una sala della Casa è dedicata alla memoria della giovane Palma.
 
Presso questa struttura diversi i servizi comunali presenti: lo sportello informagiovani, la sala prove comunale, le aule di studio, il rock archivio, i fab lab. 
 
I giardini del cimitero di Pianura sono dedicati a Luigi Sequino, Paolo Castaldi e Palma Scamardella.
 
La storia di Palma Scamardella è raccontata nel libro di Giuliana Covella "Fiore…come me", promosso dalla Fondazione Polis ed edito da Spaziocreativo nel 2013. La vicenda di Palma è anche ricordata nel "Dizionario enciclopedico delle Mafie in Italia", apparso per Castelvecchi nel 2013.
 
PAGINA NONINVANO
 
VITTIME DI MAFIA PER NON DIMENTICARE
 
RETE DEGLI ARCHIVI PER NON DIMENTICARE
 
ROAD TV ITALIA
 
STOP VIOLENZA DONNE