Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Alessandra Sorrentino

Data pubblicazione: 17-07-2013
 

Data dell'accaduto: 02/07/2012                                                                                                             
Luogo dell'evento: Palma Campania (NA)                                                                                       
Anni:26   
vittimadella criminalità comune                                                                                                                            
 
 
 
Breve storia dell'accaduto:
Alessandra Sorrentino, 26 anni, casalinga, madre di due bambini di 4 e 6 anni, viene uccisa a colpi di forbici dal marito Giancarlo Giannini, 35 anni. 
Nella notte tra il primo ed il 2 luglio 2012 si consuma il delitto nell'abitazione della famiglia a Palma Campania, in via Municipio. Secondo le ricostruzioni, una violenta lite sfocia nell'aggressione di Giancarlo ai danni di Alessandra. I violenti insulti svegliano i vicini di casa, che dai loro balconi intimano all'uomo di fermarsi. Giancarlo tenta di gettare la moglie dal balcone, lei si difende e scappa dalla sua morsa, lui la raggiunge e la aggredisce colpendola in varie parti con delle piccole forbici. Un colpo mortale raggiungerà Alessandra in pieno petto. I militari trovano la donna in una pozza di sangue con accanto l'arma del delitto. L'uomo ha ammesso ogni colpa, adducendo come assurda motivazione il timore di essere lasciato.
 
 
Il 22 luglio 2013 la IV sezione della corte di Assise di Napoli ha condannato Giancarlo Giannini a 24 anni di reclusione. 
 
UNICA CHANNEL TV 2 LUGLIO 2012
 
IN QUANTO DONNA
 
NAPOLI TODAY 6 LUGLIO 2012