Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Umberto Improta

Data pubblicazione: 27-11-2011
 

Data dell'accaduto: 27. 11. 2007
Luogo dell'evento: San Giorgio a Cremano (NA)
Anni: 25
Vittima della criminalità comune
Breve storia dell'accaduto:
 
Umberto Importa viene colpito da un proiettile vagante mentre esce dal Caffè del Presidente a San Giorgio a Cremano. Umberto è coinvolto in una rissa sebbene sia completamente estraneo alle dinamiche del fatto. 
 
A dover essere colpito era un altro Umberto, che aveva osato schiaffeggiare Luigi di Sarno, alias "Topolino", rampollo della famiglia di Ponticelli, nipote di Salvatore Di Perna. 
 
I tre ragazzi che hanno partecipato alla sparatoria si sono presentati al commissariato di Ponticelli, accompagnati dai loro avvocati.
 
Si tratta di Luigi Sarno, 19 anni, detto 'Topolino', Salvatore Di Perna di 18 anni, detto "o Nerone', e un minore di 17 anni.
 
Sarno e Di Perna sono stati rinchiusi nel carcere di Poggioreale, il minore è stato condotto presso il centro di prima accoglienza dei Colli Aminei. 
 
Nel mese di giugno del 2013, dopo condanne di primo grado, ricorsi e scarcerazioni, i giudici della Corte di Assise di Napoli hanno riconosciuto "il concorso anomalo" e condannato a soli 14 anni i due maggiorenni coinvolti nell'omicidio, sebbene il Procuratore generale avesse chiesto l'esclusione del "concorso anomalo" e la concessione delle attenuanti generiche. 
 
Gli avvocati dei due responsabili della morte di Improta hanno dimostrato che quella sera i due hanno sparato non per uccidere ma per intimidire un gruppo di giovani con cui avevano litigato, ottenendo così il riconoscimento del "concorso anomalo" .
 
Blog, link e collegamenti ipertestuali:
 
1. http://vittimemafia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=734:27-novembre-2007-san-giorgio-a-cremano-na-umberto-improta-25-anni-resta-ucciso-durante-una-rissa-per-futili-motivi&catid=35:scheda&Itemid=67