Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Ennio Petrosino e Rosa Zaza

Data pubblicazione: 25-07-2011
 
Ennio Petrosino e Rosa Zaza
Data dell'accaduto: 25/08/1999     
Luogo dell'evento: autostrada Bari-Napoli                                                                                                         
Anni: 31-33, rispettivamente                                                                                                                                 
Vittime della criminalità organizzata           
                                                                                                     
Breve storia dell'accaduto:                                                                                                                
La sera del 25 agosto 1999 Ennio Petrosino e Rosa Zaza, al rientro dalle vacanze trascorse in Croazia, sono travolti ed uccisi da una macchina utilizzata per il contrabbando delle sigarette. A fari spenti, il mezzo ha invertito il senso di marcia attraversando uno dei tanti varchi aperti sulla A16. Ennio e Rosa tornavano alle madri, ai fratelli, agli amici, al loro mondo di giovani sposi, ad una vita fatta di lavoro e di impegno civile. La loro morte non è stata soltanto provocata da una operazione criminale, ma anche dalla cattiva gestione della rete stradale. Per diversi anni il fratello di Ennio, Alessandro, è stato a capo di una associazione per la difesa dei diritti di chi è rimasto vittima della strada.
La storia di Ennio Petrosino e Rosa Zaza è raccontata nel libro di Francesco Forleo "Plenilunio con pistola", edito da Rubettino nel 2003, e nel testo di Antonella Mascali "Lotta civile", pubblicato da Chiarelettere nel 2009.                                                                                                                    
PAGINA NONINVANO
 
ASSOCIAZIONE ITALIANA FAMILIARI VITTIME DELLA STRADA
 
VITTIME DI MAFIA PER NON DIMENTICARE
 
RETE DEGLI ARCHIVI PER NON DIMENTICARE
 
VIVI NOMI DA NON DIMENTICARE