Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Bernardo Salvato

Data pubblicazione: 17-12-2015
 

Data dell'accaduto: 24 maggio 2007
Luogo dell'evento: Frattaminore
Anni: 44
 
 
Breve storia:
 
Il 24 maggio 2007 il sig. Bernardo Salvato, 44 anni, viene ucciso all'interno del suo bar a Frattaminore. Rimane vittima anche un cliente del bar, Vincenzo Castiello, 59 anni, imprenditore locale candidato sindaco, fratello di uno dei carabinieri che aveva preso parte all'arresto di Di Lauro.
L'agguato appare subito di stampo camorristico. 
Bernardo Salvato era incensurato, gestiva da poco il bar e lavorava nei mercati. 
 
Dalle indagini emerge che l'agguato è una  vendetta trasversale rivolta al carabiniere Maurizio Castiello, fratello di Vincenzo, il quale partecipò all'arresto del boss latitante Paolo Di Lauro. si ritiene che Salvato viene ucciso perché ritenuto testimone  scomodo o per errore da un proiettile vagante. 
In mancanza di prove il caso è stato archiviato nel 2012.
 
Il 31 maggio 2007 viene tenuta una fiaccolata in suo nome.
La storia di Salvato è menzionata nel libro:"Memoria" pubblicato dall'associazione Libera, a cura di: Marcello Cozzi, Riccardo Christian Falcone, Iolanda Napolitano, Simona Ottaviani, Peppe Ruggiero. Stampato per conto delle Edizioni Gruppo Abele presso Cooperativa La Grafica Nuova.
Il 25 maggio 2020 una celebrazione eucaristica dedicata alla sua memoria si è tenuta presso la Chiesa S.Maurizio Martire di Frattaminore.
 
LINK ESTERNI
 
 
PAGINA NONINVANO
 
REPUBBLICA 24 MAGGIO 2007

REPUBBLICA 25 MAGGIO 2007

TGCOM 24 MAGGIO 2007