Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Angelo Vassallo

Data pubblicazione: 04-09-2012
 

PAGINA NONINVANO
 
Data dell'accaduto: 05/09/2010
Luogo dell'evento: Pollica (SA)
Anni: 57
Vittima della criminalità organizzata
 
Breve storia dell'accaduto:
 
Un agguato in pieno stile camorristico, una raffica di colpi di pistola mentre rientrava a casa. È stato ucciso così Angelo Vassallo, 57 anni, sindaco di Pollica, comune del Cilento. È avvenuto nella tarda serata del 5 settembre 2010.
Secondo le indagini condotte dal pm Alfredo Greco, l'auto di Vassallo è stata bloccata da un'altra vettura che procedeva in direzione inversa e in senso vietato. Forse in due si sono avvicinati al finestrino e hanno sparato con una pistola calibro 9, colpendo il cuore, la testa e la gola del sindaco, seduto al posto di guida. A scoprire il corpo è stato il fratello del sindaco che, avvertito dalla cognata, preoccupata per il mancato ritorno a casa del marito, è andato a cercarlo. 
Vassallo era soprannominato "il sindaco pescatore" per la sua attività imprenditoriale nel settore ittico che gestiva insieme al fratello. Le battaglie per la legalità e il rispetto dell'ambiente, su cui aveva investito come amministratore pubblico, avevano fruttato alla località costiera cilentana riconoscimenti come le "bandiere blu" e un rilancio turistico.
Le indagini sull'omicidio di Vassallo continuano senza escludere nessuna pista: dagli intrecci tra mafie ed attività affaristiche che interesserebbero il territorio cilentano, all'ambiente dello spaccio di droga che ha visto Vassallo combattere in prima linea per evitare che il suo territorio diventasse terra di spaccio, alla denuncia fatta dal sindaco circa "strade fantasma", appalti pagati e lavori mai eseguiti.
 
Dalla morte di Vassallo numerose iniziative in sua memoria si sono succedute in tutta Italia. Il fratello del sindaco, Dario, ha raccolto l'eredità politica e culturale lasciata da Angelo attraverso la fondazione "Angelo Vassallo sindaco pescatore".
Nel 2012 viene dedicata alla memoria del sindaco una piazza nella cittadina di Pistoia e viene siglato un gemellaggio tra le città di Pollica e Bologna. Il 25 aprile 2012, per ricordare il suo sindaco, la cittadina di Pollica rimane al buio per una notte per chiedere a gran voce che venga fatta luce sull'assassinio di Angelo Vassallo. Nell'agosto 2013 la strada che congiunge Pollica con San Mauro del Cilento è stata intitolata ad Angelo Vassallo.
Solaris Media e Rai Fiction hanno realizzato un film su Angelo Vassallo. Il film, "Il sindaco pescatore", è stato trasmesso dalla Rai nel mese di febbraio 2016. 
Nel settembre 2013, la Fondazione Angelo Vassallo Sindaco pescatore ha organizzato, raccogliendo la volontà della Presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini, un'iniziativa di commemorazione del sindaco ad Acciaroli. All'evento hanno preso parte Franco Roberti, procuratore generale antimafia, Gianni Pittella, vicepresidente del Parlamento europeo e Pier Giorgio Oliveti, direttore della Città Slow International. 
Lo scalo del porto di Acciaroli è stato intitolato ad Angelo Vassallo. 
 
Nel novembre 2013 l'associazione culturale "La Preta" ha ricordato Angelo Vassallo con la proiezione del docu-film di Luca Pagliari "Al di là del mare".
 
Il 22 novembre 2013 la Fondazone Angelo Vassallo Sindaco Pescatore è stata insignita del "Premio Cultura Meridionale" presso l'Istituto di Cultura Meridionale di Napoli.
 
Domenica 15 dicembre 2013 è stata inaugurata ad Albori, all'interno dell'Accademia "A. Pirpan", l'Aula della legalità Angelo Vassallo.
 
La storia di Angelo Vassallo compare in numerose pubblicazioni edite negli ultimi anni. Tra queste si distingue certamente la biografia "Il sindaco pescatore", scritta dal fratello e da Nello Governato, pubblicata da Mondadori nel 2011.  La vicenda di Angelo è anche ricordata nel "Dizionario Enciclopedico delle Mafie in Italia", apparso per Castelvecchi nel 2013.
Il 6 febbraio 2014 il libro "Il Sindaco Pescatore", scritto da Dario Vassallo, viene presentato dall'autore al Comune di Salerno ed il 14 febbraio a Domagnano, castello della Repubblica di San Marino, nel contesto dell'incontro "A scuola di mafia".
Il 26 marzo 2014 è stata intitolata alla memoria di Angelo Vassallo una villetta di 3 piani a Trezzano sul Naviglio, vicino Milano, confiscata nel 2000 al narcotrafficante di Cosa Nostra Salvatore di Marco. Durante la cerimonia sono state consegnate le chiavi della struttura , ribattezzata "Libera Casa Angelo Vassallo", all'associazione Libera, che se ne occupa. 
Il Premio Angelo Vassallo 2015 viene assegnato al Comune di Ostana, in provincia di Roma e, nel 2016, assegnato ai sindaci di Calitri in provincia di Avellino e Troina in provincia di Enna. Il premio, ispirato al "Sindaco pescatore" Angelo Vassallo, promosso da ANCI e Legambiente insieme a Libera, Slowfood, FederParchi, ANCI Campania, Comune di Pollica e con il sostegno di Enel, nasce per valorizzare le buone pratiche e le esperienze migliori realizzate dai Comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti con l'obiettivo di favorire lo sviluppo locale nel rispetto dell'ambiente e all'insegna della trasparenza e della legalità. 
 
Nel settimo anniversario di Angelo Vassallo, la "Festa della Speranza" fortemente voluta dalla Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore dopo Casal di Principe nel 2014, Montopoli di Sabina nel 2015, Peschici nel 2016, fa tappa in Veneto con il dibattito sul tema "Bellezza, mare e territorio", che si svolge presso il Centro Congressi di Rosolina Mare, in provincia di Rovigo.
 
Alla prima visone in Rai del film "il sindaco pescatore", nel febbraio 2016, è seguito anche lo spettacolo teatrale, un monologo dell'attore Ettore Bassi. Un'idea nata dalla lettura da parte dell'attore del libro di Dario Vassallo "il sindaco pescatore".
 
Nel mese di settembre 2017 i ragazzi di Libera Bologna, città gemellata con Pollica, accompagnati dall'ex insegnante Maria Cristina Marchesini, hanno promosso una serie di iniziative culturali e artistiche ideate da loro per commemorare il Sindaco. Le iniziative sono terminate la sera del 5 settembre con una fiaccolata sul luogo dell'omicidio e l'apposizione di una targa. In piazza ad Acciaroli è stato proiettato un video testimonianza del lavoro di ricerca svolto.  
 
Nel mese di giugno 2018 grazie ad uno scambio di informazioni tra Procure viene indagato il brigadiere dei carabinieri in congedo, Lazzaro Cioffi, in carcere da alcuni mesi per presunti rapporti con un boss del narcotraffico in provincia di Napoli. Per Cioffi l'ipotesi formulata dalla procura di Salerno è di concorso in omicidio volontario. 
 
Cioffi era stato coinvolto a maggio in una inchiesta della procura partenopea: in servizio a Castello di Cisterna, è accusato di partecipazione ad una associazione per delinquere per aver rivelato notizie su indagini e per i suoi rapporti con un boss del narcotraffico attivo nel Napoletano.
 
Poco dopo l'arresto di Cioffi, il pm della Dda di Napoli Mariella Di Mauro, titolare dell'inchiesta sul narcotraffico, e il suo collega della procura di Salerno Marco Colamonici, titolare dell'inchiesta sull'omicidio di Angelo Vassallo, si incontrano per uno scambio di informazioni relativo all'acquisizione di elementi utili per le rispettive indagini. Il nome di Cioffi era già spuntato negli atti di indagine svolti sull'omicidio di Vassallo (un testimone aveva riferito della sua presunta presenza nella zona nei giorni dell'omicidio). Secondo questa pista investigativa - che in assenza di riscontri non fu seguita e quindi archiviata negli anni scorsi a Salerno - il sindaco sarebbe stato ucciso per il suo impegno nella lotta allo spaccio nel suo territorio e per aver scoperto un giro di droga sulla costa cilentana.
 
 
 
Collegamenti ipertestuali relativi ad Angelo Vassallo
Blog, link, social network, video:
1. Pagina web della fondazione "Angelo Vassallo sindaco pescatore" http://www.fondazionevassallo.it/ 
2. http://it-it.facebook.com/pages/Fondazione-Angelo-Vassallo-Sindaco-Pescatore/254977224553151
3. Nome di Angelo Vassallo contenuto nella sezione "Nomi da non dimenticare" sulla pagina web dell'Associazione "Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie"http://www.libera.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/87 
 
4.  Nome di Angelo Vassallo contenuto nella sezione "Nomi e cognomi da non dimenticare" sul a pagina web dell'Associazione "Ammazzatecitutti" http://www.ammazzatecitutti.org/le-vittime-di-tutte-le-mafie.php 
 
5. Pagina commemorativa sul portale dell' "Associazione nazionale familiari vittime di Mafia"  http://www.familiarivittimedimafia.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1472 
 
6. Pagina commemorativa sul gruppo Facebook "Vittimemafia" http://vittimemafia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=251:5-settembre-2010-pollica-sa-ucciso-angelo-vassallo-il-qsindaco-pescatoreq&catid=35:scheda&Itemid=67