Cultura della legalità, sottoscritto protocollo di intesa tra Fondazione Pol.i.s. e Ordine dei Giornalisti della Campania

Data pubblicazione: 09-11-2012
 
"
"
"
"
"

GUARDA IL SERVIZIO DI VIDEOCOMUNICAZIONI

 

GUARDA IL SERVIZIO DI NAPOLI TV

 

IL MOMENTO DELLA FIRMA DEL PROTOCOLLO

 

È stato sottoscritto stamane tra la Fondazione Pol.i.s. della Regione Campania per le vittime innocenti della criminalità e i beni confiscati e l'Ordine dei Giornalisti della Campania un protocollo di intesa per la sensibilizzazione a mezzo stampa alla cultura della legalità.

L'iniziativa si è svolta presso la sede della Fondazione Pol.i.s. a Napoli, a Palazzo Santa Lucia in via De Cesare.

Sono intervenuti l'assessore regionale ai Rapporti con le Autonomie Locali Pasquale Sommese, il presidente della Fondazione Pol.i.s. Paolo Siani, il presidente e il vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti della Campania, rispettivamente Ottavio Lucarelli e Mimmo Falco, il presidente del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità Lorenzo Clemente, il referente regionale di Libera Geppino Fiorenza e il segretario generale della Fondazione Pol.i.s. Enrico Tedesco.

Il protocollo si prefigge di:

far emergere, nel rispetto della deontologia professionale, le ragioni dei vinti più che dei carnefici quando si affronta il vasto e complesso tema della criminalità, organizzata e comune, realizzando speciali sui principali quotidiani locali che diano risalto all'impegno dei familiari delle vittime innocenti della criminalità;

creare spazi di discussione sulle criticità legate alla riconversione dei beni confiscati alla camorra, al fine di stimolare con adeguata forza mediatica tutti i soggetti preposti ad un più rapido ed efficace riutilizzo degli stessi beni, e sulle buone pratiche di riuso dei beni confiscati alla camorra, da prendere a modello di riferimento;

realizzare in partenariato progetti di sensibilizzazione alla cultura della legalità con le scuole, evidenziando il ruolo dei media nell'attività di comunicazione sui temi di comune interesse tra Ordine e Fondazione; 

realizzare in partenariato progetti di formazione con esperti degli ambiti di intervento della Fondazione Pol.i.s., che spazino dalla normativa a tutela delle vittime alle problematiche legate al riutilizzo dei beni confiscati, per qualificare al meglio il lavoro dei giornalisti impegnati su temi tanto delicati e complessi;

promuovere un appuntamento annuo di carattere scientifico nel territorio campano con "Ossigeno per l'Informazione" al fine di monitorare la grave piaga delle minacce perpetrate nei confronti dei cronisti italiani e predisporre le linee guida per arginare il fenomeno;

valorizzare il preesistente circuito dell'informazione attivo sui temi della legalità, soprattutto per quanto riguarda il precariato.

''Con questo protocollo - ha affermato l'assessore Sommese - la Regione Campania vuole stimolare gli organi d'informazione affinchè sull'emergenza criminalità e sul gravissimo fenomeno dei cronisti minacciati non cali mai l'oblio e, al tempo stesso, valorizzare le belle realtà del nostro territorio tra cui il Coordinamento dei familiari delle vittime innocenti di criminalità, le associazioni  e le cooperative che danno nuova vita ai beni confiscati''.

''Vogliamo - ha detto Paolo Siani - che le storie delle vittime innocenti siano raccontate di più di quelle dei loro carnefici e che non ci si limiti all'immediatezza dell'evento tragico, ma che il racconto prosegua anche dopo per mantenere viva la memoria, dare conforto ai familiari e tenere sempre alta l'attenzione''.

''I giornalisti - ha invece evidenziato Lucarelli - devono continuare a fare il proprio mestiere con grande professionalità, in modo scrupoloso e ricordandosi che il nostro unico padrone è l'opinione pubblica''.

"Nell'approccio agli episodi di cronaca nera che colpiscono i nostri territori è importante che gli organi di informazione abbiano la giusta sensibilità, soprattutto quando sono coinvolti degli innocenti. Per noi familiari questa intesa è molto significativa", ha concluso Lorenzo Clemente.

 

LEGGI L'ARTICOLO DI OSSIGENO PER L'INFORMAZIONE

 

LEGGI L'ARTICOLO DI NARCOMAFIE

 

LEGGI L'ARTICOLO DI NAPOLI VILLAGE

 

LEGGI L'ARTICOLO DI PIÙ ECONOMIA

 

LEGGI L'ARTICOLO DI CAMPANIA NOTIZIE

 

LEGGI L'ARTICOLO DI QUOTIDIANO ITALIA

 

LEGGI L'ARTICOLO DI CAMPANIA 24 NEWS

 

LEGGI L'ARTICOLO DI SENTIRSI CAMPANI

Allegati: