Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Anna Fiume

Data pubblicazione: 10-06-2019
 

Data dell'accaduto: 15/06/2013
Luogo dell'evento: Napoli
Anni: 52
Tipologia: vittima criminalità comune
 
Breve storia dell'accaduto:
 
 
Anna Fiume, 52 anni, viene uccisa da uno dei tre figli, Ciro Ciccarelli, 28 anni.
Ciro e la madre vivevano insieme in un appartamento a Scampia. Il figlio maggiore viveva con la sua famiglia altrove mentre la figlia era andata a vivere con il padre, dal quale Anna era separata da alcuni anni. 
Anna era affetta da una grave forma di insufficienza renale e da diabete. Alle precarie condizioni di salute si aggiungevano serie difficoltà economiche e la tossicodipendenza di Ciro, noto alle forze dell'ordine per precedenti legati a risse e spaccio.
Al culmine dell'ennesima lite, scoppiata alle quattro del mattino, secondo il racconto di Ciro per l'assenza di acqua in frigorifero, il ragazzo colpisce con calci e pugni la madre, che muore poco dopo. Alcuni vicini, allertati dalle urla di Ciro, chiamano i soccorsi e le forze dell'ordine che bloccano il ragazzo visibilmente agitato. Ciro viene sottoposto a fermo con l'accusa di omicidio volontario.
 
NAPOLI TODAY
 
LIBERO QUOTIDIANO