Brevi storie di vittime innocenti della criminalità: Domenico Di Donna

Data pubblicazione: 12-10-2021
 
Data dell'accaduto: 01. 04. 1988 
Luogo dell‘evento: Torre del Greco                          
Anni: 61
Vittima della criminalità organizzata
 
 
Breve storia dell'accaduto:
 
Domenico, cameriere alla Taverna del buongustaio di Torre del Greco, muore colpito da un proiettile vagante nella cosiddetta "strage del venerdì santo", una guerra tra clan rivali della zona.
 
Nel ristorante, dove lavora Domenico, è in corso una cena tra quattro pregiudicati quando il commando omicida entra in azione e spara all'impazzata. Un proiettile colpisce Domenico. 
 
Muoiono, a seguito della sparatoria, Antonio La Rocca, alias Tonino ‘a Maronna, e Ciro Fedele.  Salvatore Magliulo, tenta di scappare in strada ma viene raggiunto e ucciso. 
Una strage voluta per vendicare la morte di Vincenzo Gargiulo, fratello del boss Gegè.  
 
Sono gli anni tra il 1986 e il 1991, anni in cui a Torre del Greco è in corso una faida di camorra.
 
Solamente trenta anni dopo una sentenza di primo grado è stata emessa, ma le condanne superano di poco i 50 anni totali per i 5 imputati finiti a processo.
 
REPUBBLICA 3 APRILE 1988
 
MATTINO 26 APRILE 2017