Salta al contenuto principale Skip to footer content

La Fondazione Pol.i.s. all'IPM di Airola

Visita all'IPM di Airola

Il garante regionale delle persone private della libertà personale Samuele Ciambriello e il presidente della Fondazione Pol.i.s della Regione Campania e garante delle persone private della libertà personale della città di Napoli don Tonino Palmese, con il segretario generale, Enrico Tedesco e la responsabile dell'area vittime e facilitatrice interna del progetto, Tiziana Apicella, hanno incontrato l'equipe interna dell'IPM di Airola, guidata dalla Direttrice Eleonora Cinque, e i ragazzi dall'Istituto per il primo degli incontri intramurari previsti per il Progetto: “Progettare un agire responsabile per il futuro: servizi e comunità a favore delle vittime di reato e percorsi di giustizia riparativa".

Il progetto, in attuazione della Direttiva europea 2012/29/UE, per invito del Ministero della Giustizia e su mandato della Regione Campania vede la Fondazione Pol.i.s. come soggetto attuatore.

"Gli appuntamenti intramurari ed extra-murari, guidati dall'equipe interna dell'Istituto e dell'equipe multidisciplinare della Fondazione Polis, sono finalizzati all'incontro tra i ragazzi dell'Istituto e le vittime di reato per percorsi di giustizia riparativa, per facilitare movimenti di trasformazione delle biografie personali attraverso processi di consapevolizzazione  dell'offesa e del dolore arrecato", queste le parole di don Tonino Palmese, presidente di Pol.i.s.

Nel carcere minorile di Airola erano presenti 32 giovani ristretti.

Per Samuele Ciambiello, garante delle persone private della libertà personale, "i giovani adolescenti devono recuperare il valore della responsabilità dei propri gesti, spesso il vuoto esistenziale che hanno vissuto non li ha portati ad avere consapevolezza del reato commesso. Giustizia riparativa per ricucire e rigenerarsi, ma anche anche le famiglie e le istituzioni hanno un concorso di colpo per i reati che hanno commesso".

Etichette: